Non avere fretta! Il tempo che “perdi” per cercare un libro lo recupererai leggendolo!

La lettura nel Sud Italia

È vero che la lettura al Sud Italia è morta? I dati confermerebbero che, al Sud Italia, la lettura è in declino da un bel po’, infatti secondo l’ISTAT solo il 27,9% di italiani del meridione hanno letto un libro nel 2022, rispetto al 42,4% del Settentrione. Questo, però, non significa che il bisogno della […]

by Elena Zirone @zirobooks

Gen 3, 2024

È vero che la lettura al Sud Italia è morta?

I dati confermerebbero che, al Sud Italia, la lettura è in declino da un bel po’, infatti secondo l’ISTAT solo il 27,9% di italiani del meridione hanno letto un libro nel 2022, rispetto al 42,4% del Settentrione.

Questo, però, non significa che il bisogno della lettura non ci sia. Un libro rimane quell’oggetto da poter toccare fisicamente, ma contemporaneamente viaggiare con esso in altri mondi immaginari. Un modo per staccare e concedersi quei dieci/venti minuti di pace: te e una storia che ti fa vivere altre vite, come disse Umberto Eco: 

«Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita. Chi legge avrà vissuto 5000 anni. La lettura è un’immortalità all’indietro» 

Per incentivare adulti e i giovani alla lettura, il Meridione offre tante iniziative.

5466C1C8-A2D2-44A5-ABF4-08B719EFD633.JPG
efadf4b9-02f4-4853-b3c5-ba5d04b36419.JPG

Ve ne racconto qualcuna, iniziando da quelle promosse da Sampognaro & Pupi! A Dicembre a Siracusa insieme alla libreria Neapolis, la casa editrice ha organizzato due eventi letterari.

Nel primo sono stati coinvolti i più piccoli grazie anche all’associazione Edu.Co.Bene, che ha curato la parte ludica rivolta alla decorazione dei biscotti natalizi seguendo la “cooking therapy” da loro promossa, nel frattempo sono stati letti più racconti con momenti di lettura ad alta voce e altri di lettura animata con Kamishibai. Infine i bambini si sono divertiti a scrivere e decorare biglietti natalizi.

Nel secondo appuntamento, invece, sono stati coinvolti gli adulti, che tra una cioccolata calda e del panettone hanno avuto la possibilità di farsi fare delle illustrazioni natalizie nei libri scelti, ascoltare degli spoiler dei nuovi romanzi in uscita per Sampognaro e Pupi e partecipare a conversazioni letterarie direttamente con gli autori.

Rimanendo su Siracusa, una bella notizia riguarda l’apertura di una nuova libreria. Nel mese di novembre 2023, infatti ha aperto una nuova libreria Mondadori situata in pieno centro-città.

Questo è sicuramente uno scenario favorevole per la promozione della cultura e della lettura nel siracusano.

Spostandosi nella città di Catania, iniziative interessanti riguardano l’opportunità di partecipare una volta al mese a degli incontri di lettura un po’ sui generis.

Guardando al lettore, da sempre visto come una “creatura” solitaria, che non vuole socializzare ma stare solo con il naso tra i libri, il progetto Scegli un libro e leggiamo insieme dimostra come tutti quei lettori “solitari” possono creare una community e stringere amicizia proprio tramite una passione comune: i libri.

Nata da un’idea di cinque ragazze che parlano di libri sui social, una volta al mese si ha la possibilità di riunirsi in una libreria di Catania, di volta in volta diversa, per poter leggere ognuno la propria lettura per un periodo di tempo, mentre nel restante si chiacchiera e si scopre l’altro. Il cambio della libreria non è casuale, ma serve per far conoscere alle persone quante librerie la città può offrire.

Sempre a Catania altre manifestazioni che stanno emergendo con grande entusiasmo sono il Catania Book Festival o l’Etnabook Festival. Questi due Festival del libro aiutano a promuovere la cultura e la lettura cittadina. Tra incontri con autori/autrici, convegni e speech dove viene affrontato il tema dei libri e della lettura in ogni forma, la comunità catanese e siciliana può prenderne parte e scoprire ancora di più il meraviglioso mondo della lettura e della scrittura. E in Sicilia di festival ce ne sono davvero tanti: dalla Marina dei Libri a Palermo, Taobuk a Taormina, Messina Book Festival e molti altri.

In definitiva, volendo trarre le somme possiamo dire che il destino della lettura e della sua promozione risiede nelle nostre mani. I vari eventi letterari in Sicilia e al Sud Italia, nonché i mezzi digitali, ci offrono strumenti straordinari per nutrire la nostra passione per i libri e diffonderla tra gli altri. Ma ricordiamoci sempre che, alla fine, siamo noi i custodi della cultura e se non si coltiva l’amore per la lettura e se non s’incoraggia gli altri a farlo, ci si trova sempre bloccati a quel 27,9%. I giovani stanno facendo la loro parte grazie ai nuovi social, ma è compito di ciascuno di noi assicurarsi che questa fiamma non si spenga. Abbiamo il potere di trasformare quel 27,9% in un numero che cresce costantemente, basta solo la volontà di farlo!

© Milena Zirone –  @zirobooks

Articoli Correlati

4 donne che hanno cambiato la letteratura
4 donne che hanno cambiato la letteratura

8 marzo, Giornata Internazionale (dei diritti) della Donna, è una celebrazione che va oltre i confini nazionali, culturali e politici. È un momento per riflettere sulle conquiste delle donne nel corso della storia e per riconoscere il loro impatto in tutti gli ambiti...

Giornata della Memoria: ricordare con i libri
Giornata della Memoria: ricordare con i libri

Il Giorno della Memoria è il giorno in cui riflettere su un passato doloroso, onorare le vittime e rinnovare l’impegno a non dimenticare mai ciò che è accaduto. La data non è casuale, il 27 gennaio 1945 le Armate Rosse liberarono il campo di Aushwitz mettendo un punto...

Iscriviti alla newsletter

0
Il tuo Carrello