Non avere fretta! Il tempo che “perdi” per cercare un libro lo recupererai leggendolo!

Un libro, un vino! Prova le degustazioni letterarie per l’autunno!

by Elena Zirone @zirobooks

Ott 12, 2023

Con la sua ripresa lenta e i colori caldi che sembrano avvolgere chiunque si trovi a passeggiare in un sentiero alberato. Con il fresco che pizzica le gote e le prime piogge che profumano di terra bagnata. Siamo tutti in trepidante attesa di vivere questa stagione, che quest’anno sembra farsi desiderare. Per tutti gli amanti dei libri, l’autunno ha un’atmosfera magica, in cui si ha voglia di riprendere o dare inizio a rituali dal sapore intimo. A farla da padrone c’è la voglia di ritagliarsi dei piccoli momenti per sé, di poter vivere a pieni polmoni quel mood un po’ nostalgico, un po’ sospeso che segna la fine dell’estate e ci accompagna fino all’inizio della frenesia del Natale.

Noi che di questi momenti siamo dei fervidi amanti, abbiamo pensato di proporvi di viverli con una degustazione tra libri e vino. Abbiamo chiesto al sommelier Enzo Amoruso, del prestigioso ristorante siracusano Don Camillo, di consigliarci un abbinamento in accordo all’essenza di 3 nostri libri, lasciando che siate voi a decidere quando voler “arricogghiervi i pupi” e godervi il momento! Alla fine di ogni proposta, potrete leggere le caratteristiche ufficiali dei singoli vini per capire meglio cosa aspettarvi.

Siete curiosi?

Iniziamo:

1)    Se volete fare una lettura che vi scuota, che vi porti in Sicilia, tra i suoi paradossi, i suoi paesaggi, i suoi suoni e le sue contraddizioni, se volete avventurarvi tra i rischi che coinvolgono le protagoniste, emozionarvi per i ricordi che sapranno far riaffiorare e le riflessioni che vi solleciteranno allora state cercando il libro “H di Helena” di Paolo Sarcià. Vi consigliamo di abbinare ai sapori forti e dall’essenza siciliana di questo romanzo un calice di Donnafugata Mille e Una Notte. Dal colore rosso rubino intenso, Mille e Una Notte presenta un bouquet complesso caratterizzato da note fruttate di more e ribes, freschi sentori mentolati, note speziate di pepe nero e delicate nuances di tostatura dolce. In bocca è ampio e con tannini vellutati. Chiude con una notevole persistenza gustativa e seducente sapidità.

2)    Se cercate un libro con cui perdervi tra i sentori nostalgici, che vi accolga con delicatezza tra le sue pagine, portandovi indietro nel tempo, facendovi viaggiare tra i quartieri di Venezia e Firenze e facendovi riscoprire il vigore che uomini e donne sanno mostrare come esseri resilienti, allora non potete perdervi il libro “Vite che tornano” di Esther Diana. Mettetevi pure comodi e sorseggiate un Marsala Florio Aegusa, che con le sue mille sfumature di spezie e frutta, conquista con il suo gusto minerale, sorprendentemente lungo e complesso, di radice di liquirizia e miele bruciato.

3)    Se infine state cercando un libro con cui dialogare per provare a capire interpretazioni e letture della giovinezza e delle età delle vita, del funzionamento dei rapporti familiari, del valore del sacro nel vissuto di un uomo, un libro che sia un viaggio trasversale tra epoche e generi, allora troverete un bel compagno di viaggio in “Visioni del mondo” di Biagio Coco. I vostri interlocutori saranno Pirandello, Vittorini, Ginzburg, Berto, Bonaviri e Brancati e tra le loro interpretazioni, saprete vivere il viaggio con maggior introspezione accompagnandolo con un buon calice di Grillo Mothia di Tasca d’Almerita, un bianco fresco, ricco e profumato, che emana profumi di fiori, agrumi, erbe aromatiche e pepe bianco.

Articoli Correlati

4 donne che hanno cambiato la letteratura
4 donne che hanno cambiato la letteratura

8 marzo, Giornata Internazionale (dei diritti) della Donna, è una celebrazione che va oltre i confini nazionali, culturali e politici. È un momento per riflettere sulle conquiste delle donne nel corso della storia e per riconoscere il loro impatto in tutti gli ambiti...

Giornata della Memoria: ricordare con i libri
Giornata della Memoria: ricordare con i libri

Il Giorno della Memoria è il giorno in cui riflettere su un passato doloroso, onorare le vittime e rinnovare l’impegno a non dimenticare mai ciò che è accaduto. La data non è casuale, il 27 gennaio 1945 le Armate Rosse liberarono il campo di Aushwitz mettendo un punto...

Iscriviti alla newsletter

0
Il tuo Carrello